concerto_capodanno_fano_osr_agiman_menini_cd_ph_luigi_angelucci_063.jpg

Press Reviews

Dicono di lui

 

Opera News, Metropolitan Opera New York - Marin Faliero Bergamo

Domenico Menini sung a beautifully evocative barcarole.

Res Musica Paris - Faust Paris

Cé ténor est une révélation!

Operaclick - Nabucco Tel Aviv

Domenico Menini nei panni di Ismaele ha mostrato una ben riposta sicurezza nei propri mezzi, completando una prestazione che si è fatta notare per efficacia drammatica, espressività e tenuta della linea di canto

Taorminainforma - Tosca Taormina

Brillante ed onestissimo il Cavaradossi di Domenico Menini che grazie a musicalità e padronanza tecnica ha reso il personaggio virile e allo stesso tempo romantico grazie alle mezze voci e al fraseggio raffinato.

Bellininews - Tosca Taormina

"Domenico Menini ha saputo scandagliare la personalità di Cavaradossi mettendo in campo un'alta sensibilità musicale unita ad una efficiente e vibrante vocalità".

Kritiken der Wiener Staatsoper - Lucia di Lammermoor Budapest

Domenico Menini, ein heissblutiger Edgardo, mit herrlichem Schmelz und eindrucksvoller Italianità in der Stimme, der auch durch sein intensives Rollenspiel zum Liebling des Publikums avancierte.

Opera Magazine - Elisir d’amore Antibes, France

Domenico Menini… lui nerveux, ne tenant jamais en place, prenant tout les risques et l’emportant toujours grace à sa sincérité et à son rayonnement naturel.

GB Opera Magazine - Don Pasquale Comunale Bologna

Domenico Menini, molto musicale, tecnicamente sicuro e di grande talento teatrale. Da tempo non mi capitava di sentire in teatro un’esecuzione di “Cercherò lontana terra” così sognante, romantica e sofferta. Un cantante da tenere d’occhio e preservare!

L'Opera, Claudia Mambelli - Recital Parma

La vocalità talentuosa e musicalissima di un giovane tenore come Domenico Menini prende piede nel corso del concerto regalandoci con bell’accento vivace e espressività sobria e raffinata il “povero Ernesto” Donizettiano del Don Pasquale, per poi scivolare nella magica atmosfera francese del Werther di Massenet, in cui sfoggia la poesia di un suono puro e ricco di un colore luminoso nella morbidezza dell’abbandono nella celebre “Pourquoi me reveiller”.